login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: press@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Sleaford Mods

concerti

25 agosto 2019
TORINO
SPAZIO211 - TODAYS FESTIVAL

Via Francesco Cigna 211, 10155 Torino

Info: www.todaysfestival.com

Ingresso:
biglietto singola giornata con accesso a sPAZIO211: 30€ + d.p.

abbonamento singola giornata (24 o 25 agosto accesso a sPAZIO211 e INCET): 40€ + d.p.

abbonamento tre giorni (23, 24 e 25 agosto con accesso a tutti i concerti): 100€ + d.p.

Biglietti in vendita su www.ticketone.it e presso i punti vendita autorizzati

Info: www.todaysfestival.com

www.sleafordmods.com
www.facebook.com/SleafordModsOfficial
www.twitter.com/sleaformods

Gli Sleaford Mods, voce ruvida e feroce della working class, continuano a farsi sentire: hanno fondato la loro etichetta discografica, “Extreme Eating”, su cui il 22 febbraio hanno pubblicato il loro ultimo disco “Eton Alive”: il manifesto più completo e radicale del loro pensiero, portato all’esasperazione dalla dilagante alienazione digitale della nostra epoca.

L’album, è stato anticipato dal primo estratto “Flipside” e dal video-clip del secondo singolo “Kebab Spider”: entrambi i singoli, come del resto tutto l’album, dimostrano che il duo di Nottingham ha ancora molto da dire e lo fa con il suo stile indefinibile ma anche inconfondibile, una ormai nota e ampiamente apprezzata mescolanza abrasiva di hip hop, grime, electro-punk, post punk e indie, che forse con quest’ultimo lavoro risulta meno minimalista dei precedenti, ma che, al di sopra di tutte le sfumature stilistiche, rimane sempre fortemente connotata da un’importante vocazione socio-politica, in questo caso fortemente legata alla Brexit e alla crescente alienazione digitale.

Gli Sleaford Mods sono una cellula disturbata e disturbante, nell’ecosistema musicale odierno: in loro, lo spirito più corrosivo e strafottente del punk originale si sposa – in un modo tanto imprevedibile quanto “inevitabile” nel risultato finale – con la narratività del rap. Jason Williamson è una specie di The Streets molto più incattivito e beffardo (o se preferite, è l’erede perfetto e migliore del “poeta punk” John Cooper Clarke), mentre Andrew Fearn trova il modo di creare i perfetti abiti sonori per questo microcosmo testuale di cinismo, humour e corrosività: batterie elettroniche, schegge (post) punk, sintetizzatori lo-fi.

Il successo vero e proprio è arrivato nel 2013 in seguito alla pubblicazione di “Austerity Dogs”, l’album che ha dato notorietà agli Sleaford Mods eleggendoli perfetti cantastorie degli anni della crisi, della recessione, delle complessità. Ma in realtà la loro storia è molto più lunga, e soprattutto sempre fieramente indipendente. Il primo album risale ancora al 2007 (l’omonimo “Sleaford Mods”), a cui poi ne sono seguiti altri quattro (con Simon Parfrement al posto di Fearn alle produzioni). Nel 2012, dopo l’arrivo di Fearn, pubblicano “Wank”, seguito dallo già citato “Austerity dogs” nel 2013 e dall’altrettanto acclamato “Divide and Exit” del 2014, anno in cui pubblicano anche due EP “Tiswas” e “Fizzy”. L’anno dopo pubblicano “Key Markets” ed i brani “Ibiza” insieme ai Prodigy e “Head and Shoulders” con i Letfield. Nel 2016 esce l’EP “T.C.R.” e nel 2017 “English Tapas” per Rough Trade Records.

La loro è una voce che arriva da lontano, dai bassifondi della Britannia più proletaria e meno “fashionista”, e che non ha mai avuto il minimo modo e la minima tentazione di ammorbidirsi, annacquarsi, addomesticarsi. Uno degli act più crudi, coinvolgenti e diretti si possano incontrare oggi lì dove la parola, la nuda onestà e la narrazione sono ancora un fattore decisivo.