login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: press@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Malihini

concerti

18 maggio 2019
ROMA
SPAZIO DIAMANTE - ONDA ANOMALA
26 maggio 2019
MILANO
CIRCOLO MAGNOLIA - MIAMI FESTIVAL 2019

E​vento FB: www.facebook.com/events/356773238300003

Ingresso:
– Abbonamento Early Bird: 60€ + d.p.
– Ticket Giornalieri: 25€ + d.p.
– Abbonamento 75€ + d.p.
– Ticket Giornalieri 28€ + d.p.
07 luglio 2019
SOLLIERA (MO)
ARTIVIVE - CON SHARON VAN ETTEN
08 marzo 2019
ROMA
MONK w/ WIld Nothing
16 marzo 2019
MILANO
CIRCOLO OHIBO'

malihini.bandcamp.com
facebook.com/wearemalihini

Agente:Fabio De Marco
fabio@dnaconcerti.com

  • Malihini: a marzo in uscita il nuovo progetto discografico di Giampaolo Speziale e Thony, l’attrice protagonista di ‘Tutti I Santi Giorni’ di Paolo Virzì.

    Si intitola ‘Hopefully, Again’ l’album di debutto degli italiani Malihini, in uscita il prossimo 8 marzo per la label londinese Memphis Industries.

    Prodotto da Richard Formby (Wild BeastsGhostpoetDarkstar), il primo disco di questo duo dal nome esotico (in hawaiano Malihini significa ‘nuovi arrivati’) mostra un universo sonoro disarmante, un luccicante e moderno pop lo-fi di matrice europea, anticipato dal video della title-track, primo singolo tratto dall’album.

    I Malihini sono Giampaolo Speziale Federica Caiozzo, il primo romano con esperienze alle spalle di attore e compositore di colonne sonore, la seconda palermitana di madre polacca e tra le più acclamate attrici della sua generazione (con l’alias Thony vanta già una Nomination al David di Donatello come miglior attrice protagonista in ‘Tutti I Santi Giorni’ di Paolo Virzì oltre a due album e una colonna sonora). 

    Le dieci tracce di ‘Hopefully, Again’ rispecchiano l’intimo dialogo emotivo di una coppia, espresso in musica con arrangiamenti minimali e irriverenti leitmotiv corali che trasformano la loro visione personale in qualcosa di universale.

    Registrato ai Giant Wafer Studio nel Galles con la supervisione (e i sintetizzatori) di Richard Formby e il batterista Alberto Paone – “eravamo solo noi e un paio di pecore e polli“, ricorda Speziale – l’album è stato invece ideato durante un lungo ritiro sull’isola siciliana di Vulcano. Le immagini e le atmosfere del mare e dell’azzurro di quel luogo hanno permeato decisamente le canzoni: “Abbiamo sempre voluto avere pochi strumenti, continua Gianluca, scriviamo usando solo una chitarra, una Casiotone, un synth giocattolo e una drum machine. Iniziamo con i loop, poi improvvisiamo le melodie e per almeno tre o quattro ore non riascoltiamo quello che abbiamo creato. Alcune delle canzoni sono sicuramente ispirate da eventi personali della nostra vita, qualche volta anche dalla prospettiva di qualcun altro”, continua, riflettendo sulle narrazioni candide e personali dei Malihini.

    Le canzoni rappresentano quasi una terapia di coppia, rimangono intriganti e irresistibilmente seducenti, navigando abilmente a vista tra luci e ombre emotive. Esempio calzante il soulful di ‘Hopefully, Again’, con il suo languido tamburo e la chitarra elettrica stordita, con il quale inaugurano un interplay tra loro attori amanti del circo, lei con il primo verso, a seguire lui e insieme per la linea di coro “Love is coming back“, molto coinvolgente e quasi redentiva: “Si tratta del primo vero incontro reciproco, spiega Speziale. Quando cerchi di essere qualcuno, visto attraverso gli occhi dell’altro”.

    Allo stesso modo comunica ottimismo fantasy tipico di un bicchiere mezzo pieno la traccia “Delusional Boy” che cattura una “sensazione di fuga dalla mente“, spiega Federica, con una drum machine all’inseguimento di una chitarra dal vigore Afro e una melodia vocale tipicamente euforica.

    L’album si chiude con “Song # 1“, dal nome della prima composizione nata dalla coppia durante un lungo viaggio attraverso la Germania. Una ballad che spicca il volo su accordi di chitarra spazzolati e glockenspiel, arrivando a un breve ma glorioso culmine gospel, con i due artisti alle prese con toni vocali molto alti, quasi a simboleggiare un inno di vulnerabilità (“All of our terror at sea/And a breakable, breakable me”).

    Un habitat sonoro che tira le somme, incarnando allo stesso tempo la fragilità dei “nuovi arrivati” ma con grande stile, sicurezza e quella sfrontata sinergia di artisti e innamorati.