login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Floating Points

concerti

04 agosto 2018
MORROVALLE (MC)
FAT FAT FAT
10 agosto 2018
BORGIA (CZ)
FRAC FESTIVAL
11 agosto 2018
LOCOROTONDO (BA)
LOCUS FESTIVAL

www.facebook.com/floatingpoints/

Un uomo profondamente innamorato della musica. Si possono (e si devono) fare mille considerazioni attorno a Sam Shepherd, alias Floating Points: il suo approccio particolarissimo; il modo in cui ha completamente rinnovato e impreziosito i paradigmi house con le sue svariate release dal 2009 in poi (come gli EP, ormai leggendari per qualsiasi appassionato di club culture di qualità, “Vacuum” e “Shadows”); la sua capacità di incorporare nel suo vocabolario sonoro come pochissimi altri passato, presente e futuro tutti insieme, con una vastità di soluzioni, di timbri e di idee che ha davvero pochi eguali nella musica contemporanea legata ai dancefloor (e non solo a quelli). Tutto questo assolutamente vero, e doveroso da citare; così come è doveroso parlare della incredibile ricchezza sonora del suo album d’esordio “Elaenia”, un viaggio intriso di jazz “cosmico” più ancora che di elettronica lontano da ogni convenzione contemporanea, che ha davvero sorpreso molti critici ed appassionati, raccogliendo grandi favori.

Ma il cuore di tutto sta nella passione. Una passione che lo porta ad essere un consumatore onnivoro di musica, un acquirente compulsivo di vinili rari, un filologo pazzesco in grado di sfoderare incredibili gemme soul anni ’60, così come al tempo stesso un vero esperto della club culture contemporanea di più alto livello (d’altro canto, per anni è stato uno dei resident del leggendario Plastic People londinese), con la capacità di giostrare le infinite sfumature della cassa in quattro sorprendendo il dancefloor (…ma stando sempre attento a tenerlo vivo, teso, infuocato). Se insomma come musicista e band leader Floating Points fa vedere il suo lato da artista più nobile, “alto” e cerebrale, è come dj che mette la sua conoscenza enciclopedica al servizio di una intensità, di una gioia e di una felicità davvero fra le più intense che si possano vedere oggi in una club night. Davvero: un cuore e una passione rari. A dimostrare che una altissima qualità nelle selezioni non necessariamente deve, nel dancefloor, andare contro lo stare bene più istintivo, entusiasta, aperto. Una quadratura del cerchio. Una delle vere eccellenze, in campo club culture, emerse negli ultimi anni. Fuori da ogni possibile moda, fuori dall’effimero, dritto al cuore della passione: e se lo si vede anche solo una volta in azione in console, lo si capisce immediatamente.