login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Cloud Nothings

concerti

14 febbraio 2019
MILANO
OHIBO'
15 febbraio 2019
ROMA
MONK
16 febbraio 2019
BOLOGNA
COVO CLUB

www.facebook.com/cloudnothings
www.cloudnothings.com

  • Cloud Nothings, la band indie-rock di Cleveland, arriva in Italia per presentare il nuovo album “Last Building Burning”, in uscita il 19 ottobre per Wichita Recordings ed anticipato dal potentissimo singolo The Echo Of The World.

    Registrato in soli otto giorni nello studio texano Sonic Ranch con il produttore Randall Dunn (Sunn O, Wolves In The Throne Room, Boris), il disco dura poco più di trenta minuti e contiene otto brani caustici e diretti.

    Come racconta il frontman Dylan BaldiLast Building Burning è contrassegnato da un suono più grezzo e potente: Ho scritto questo disco perché sentivo che non c’erano molte rock band in giro a fare questo tipo di cose, al momento. Non che manchino delle band che suonino bene, ma mi sembra che manchino di quella “heavyness” che a me piace tanto. Al momento sono ossessionato dal concetto di “energia”. Definirei il disco in questi termini: sette detonazioni brevi e una lunga di intenso e controllato caos».

    Proprio da questo intento, oltre che dal bisogno di “catturare l’energia del momento”, nasce Last Building Burning, album che conferma il quartetto dell’Ohio come una delle band rock and roll più interessanti e significative dell’ultima decade.Il nuovo lavoro arriva a poco più di un anno dall’uscita di Life Without Sound, l’album più melodico della band che aveva mostrato il lato più intimo del songwriting di Dylan Baldi.