login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]
zola_jesus

Zola Jesus

concerti

23 luglio 2016
BRESCIA
MUSICAL ZOO FESTIVAL

www.zolajesus.com

www.facebook.com/zolajesusofficial

Zola Jesus  arriva in Italia per quattro date a marzo per presentare l’ultimo album, Taiga, uscito alla fine del 2014 e primo lavoro dell’artista pubblicato su MUTE.

Nika, il vero nome dell’artista di venticinque anni conosciuta come Zola Jesus, è una cantante, autrice e produttrice statunitense ma di origine russa. L’album è stato scritto sull’isola di Vashon, WA e mixato a Los Angeles, CA da Dean Hurley. Taiga, il quarto full-length di Nika, arriva dopo due album ampiamente celebrati quali Versions (2013) e Conatus (2011).  Nika spiega il significato del titolo: “Taiga è il nome russo per la foresta boreale. Per me ha un significato molto vivo, ….molto espansivo. Rappresenta un mondo inesplorato e ferale, che potrebbe felicemente esistere senza di noi. Ci sono delle foreste taiga nel nord del Wisconsin dove sono cresciuta e anche in Russia da dove provengono i miei antennati, quindi ha una connotazione anche ‘nativa’ per me.

Quest’album è transitorio per Zola Jesus: abili strati di composizione avvolti dalle familiari atmosfere vocali, ma con una nuova sensibilità. Taiga è impegnativo ma accessibile ed è marchiato con ciò che Nika chiama ‘un’acuta ambizione’. Si evince che Nika abbia trovato un nuovo senso artistico di sé e l’album è una dichiarazione in questo senso: “Per me, è come se fosse il mio vero debutto, perché per la prima volta mi sento così aperta e liberata.”