login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]
TimberTimbre_0417

Timber Timbre

concerti

01 luglio 2015
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
CARROPONTE

Ingresso: 13 euro + d.p. – 15 euro alla porta

02 luglio 2015
SESTRI LEVANTE (GE)
MOJOTIC FESTIVAL

TEATRO ARENA CONCHIGLIA

Info: www.mojotic.it

Ingresso: 15 euro + d.p.

03 luglio 2015
GALINZIANO TERME (PD)
JUST LIKE HEAVEN

ANFITEATRO DEL VENDA

Ingresso: 12 euro + d.p.

www.timbertimbre.com
www.facebook.com/timbertimbre

Timber Timbre, la creatura del compositore e musicista canadese Taylor Kirk, giunta alla ribalta grazie al precedente album Creep on Creepin’on e all’inserimento di diversi brani nelle colonne sonore di serie cult come Walking Dead e Breaking Bad, torna in Italia in estate per tre date da non perdere dopo il grande successo delle date invernali per presentare l’ultimo album Hot Dreams, pubblicato da Arts & Crafts.

Con Hot Dreams,il quinto full lenght di Timber Timbre, Kirk e il fidato collaboratore di lunga data Simon Trottier aggiungono vibrante colore alla già vasta palette sonora che aveva caratterizzato i lavori precedenti, dando vita a quello che può essere definito il loro lavoro più cinematografico ed evocativo. I 10 brani sono stati scritti da Kirk per lo più durante la sua permanenza a Laurel Canyon, CA, ed è evidente quanto l’iconografia americana e le sue atmosfere polverose e oscure abbiano influenzato la scrittura di questo album. Il folk minimale dell’album precedente lascia spazio ad un panorama sonoro più ampio arricchito da una strumentazione più varia e complessa.

Un album sospeso tra sogno e realtà, tra luce e oscurità, in cui la voce baritonale di Kirk, gli arrangiamenti incentrati su archi avvolgenti e sull’inconfondibile sax di Colin Stetson ci conducono ad atmosfere inquietanti, in uno spazio senza tempo in cui la tradizione americana del passato viene costantemente citata e reinterpretata. Se Il precedente album Creep on Creepin’ on del 2011 aveva lanciato Kirk e soci alla ribalta, facendogli guadagnare due nomination ai Juno Awards e un posto nella Polaris Music Prize Short List siamo certi che questi nuovo album li consacrerà definitivamente.