login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]
The100intheHands_15

The Hundred in the Hands

concerti

> Al momento non sono previste date per questo artista

> Al momento non sono previste date per questo artista

www.thehundredinthehands.com

  • Reduce dal grande successo ottenuto con l’EP This Desert, Il duo di Brooklyn, NY, composto da Jason Friedman e Eleanore Everdell sarà finalmente in Italia per presentare l’omonimo album di debutto uscito in autunno per la storica e prestigiosa WARP e accolto positivamente da pubblico e critica.

    Il disco, da quanto si evince dalla loro biografia, è stato composto a quattro mani sia per quanto riguarda la musica, sia per quanto riguarda i testi.
    The Hundred in the Hands è un album di pezzi pop più complessi di quanto si possa credere a un primo ascolto, capaci di evocare la  storica dance music newyorkese e di creare però un suono nuovo e originale. L’album è il risultato di una serie di registrazioni casalinghe più una serie sessioni in studi di Londra e NY che vedono il contributo di diversi amici produttori tra cui The Jacques Renault, Richard X, Eric Broucek e Chris Zane.

    Il debutto dei THITH è quindi una collezione epica di avventurosi, magistralmente creati e complessi brani pop capaci di miscelare il lato elettronico e quello più naturale.

    Con una vistosa carnalità, quest’album vira dalla disco più stonata e alienante verso l’avant-pop, l’angoscia adolescenziale, le atmosfere rarefatte, sino al pop più struggente, grazie alla voce epica di Eleonore, impegnativa e disperata che maschera un naturalismo intensificato e compensato dalle linee di basso, dai beat programmati e dall’uso di chitarre lo fi di Jason.