login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Sufjan Stevens

concerti

21 settembre 2015
ASSAGO (MI)
TEATRO DELLA LUNA

Via Giuseppe di Vittorio, 6 – Assago (MI)

Poltronissima Blu: €42 + d.p.+ €1 plus one plus1.org
Poltronissima: €35 + d.p. + €1 plus one plus1.org
Poltrona: €28 + d.p. + €1 plus one plus1.org
Seconda poltrona: €22 + d.p. + €1plus one plus1.org

Prevendite disponibili su:
www.ticketone.it – call center 892 101

www.sufjan.com
asthmatickitty.com/sufjan-stevens
www.facebook.com/pages/Sufjan-Stevens

(OFFICIAL AUDIO)

Dopo anni di attesa torna finalmente in Italia Sufjan Stevens per presentare l’ultimo acclamatissimo nuovo capolavoro Carrie & Lowell uscito in Italia per Asthmatic Kitty /Goodfellas a fine marzo.

Il nuovo album che prende il titolo dal nome della madre e del patrigno dell’autore segna un ritorno alle origini per Sufjan Stevens.
Undici canzoni che parlano di vita e morte, amore e perdita, e della lotta dell’artista per dare un senso alla bellezza e alla bruttezza dell’amore.
‘Carrie & Lowell’ è’ anche un ritorno deciso alla scrittura più soffusa ed acustica, dopo gli esperimenti multimediali che hanno portato il cantautore a confrontarsi a tutto tondo con l’avanguardia, approdando con successo anche nel circuito dei teatri off della East Coast.
Anche gli esperimenti di natura più elettronica ed r&b possono essere messi in disparte e della liaison con Son Lux e Serengeti non c’è infatti traccia in questo nuovo lavoro registrato da Stevens insieme a Casey Foubert, Laura Veirs, Nedelle Torrisi, Sean Carey, Ben Lester e Thomas Bartlett e mixato da Stevens, Bartlett and Pat Dillet.

Torna al suo universo mistico ed al contempo casalingo Sufjan, a quell’essenzialità che ne aveva fatto un principe nello sterminato campo degli autori contemporanei. Un disco rassicurante, che sembra stridere con l’angustia dei tempi moderni, un lavoro che trasmette fiducia, immediatamente.
Che nessuno si azzardi a mettere al bando la filosofia, quelli che assaporerete sono ben 44 minuti focalizzati sulla mortalità, la memoria e la fiducia. Sono undici canzoni – comunemente intese – ed ognuna di esse ricorre ad una fragile melodia, fino a trascendere in una solenne inno moderno.
L’atmosfera elegiaca del disco ci consegna uno degli autori più puri del nostro tempo, un divino cantastorie, un usignolo la cui buona novella timidamente si deposita sullo zerbino di casa.

Sufjan Stevens è un cantautore di stanza a Brooklyn, NY. Dopo aver dedicato due album a due stati americani (‘Michigan’ and ‘Illinois) aver realizzato una collezione di brani biblici (Seven Swans) un album elettronico ispirato agli animali dello zodiaco cinese (Enjoy Your Rabbit’) e due collezioni natalizie (‘Songs for Christmas’, vol. 1-5 and ‘Silver & Gold’, vol. 6-10), e un album commissionato dalla Brooklyn Academy of Music per il Brooklyn-Queens Expressway (‘The BQE’) nel 2010 Stevens ha pubblicato il bellissimo ‘The Age of Adz’, collezione di brani ispirati all’artista Royal Robertson. Nel 2015 a distanza di 3 anni arriva il nuovo capolavoro Carrie & Lowell.