login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Prefuse 73

concerti

> Al momento non sono previste date per questo artista

> Al momento non sono previste date per questo artista

prefuse73.biz
www.facebook.com/Prefuse73

  • Era l’inizio del nuovo millennio quando un giovane e sconosciuto americano (di madre irlandese-cubana e padre catalano) arrivava a scompaginare completamente le regole della musica digitale. E’ nel 2001 infatti che “Vocal Studies + Uprock Narratives” usciva su Warp: più che un album, un salto in avanti nel futuro. Uno di quei rari casi in cui ci si rende conto che qualcosa è effettivamente successo, che qualcuno è arrivato e ha cambiato le regole del gioco.
    Il disco usciva a nome Prefuse 73 (un omaggio alla musica fusion precedente al 1973, prima cioè che diventasse stanco cliché inflazionato), rivelava al mondo il talento di Scott Herren e metteva in campo l’hip hop come mai era stato costruito ed immaginato prima: l’incontro degli opposti, ovvero una calda sensualità di taglio prettamente black incontrava vertiginose architetture al silicio in una sintesi davvero inedita per naturalezza e visionarietà.

    Poteva essere solo un exploit isolato, una meteora, per quanto luminosa. Herren invece si è mostrato artista prolificissimo (anche con altri alias, primo fra tutti Savath&Savalas) inanellando ad oggi una decina di album tutti di alto livello, dallo straordinario “One Word Extinguisher” del 2003 all’ultimo nato uscito a metà 2009, “Everything She Touched Turned Ampexian”,(Warp/Self) acclamatissimo anch’esso dalla critica.

    In questi anni ha affinato sempre più la sua già geniale matrice creativa originaria, flirtando anche col songwriting e con divagazioni acustiche ma non mancando di perfezionare ulteriormente la sua stupefacente tecnica di campionamento. E’ riuscito a mettere tutti d’accordo, trovando seguito sia fra gli appassionati di nicchia (vuoi quelli di elettronica, vuoi quelli di hip hop) che presso il pubblico abituato ad ascolti a 360 gradi: privilegio che pochissimi artisti sono stati in grado di costruirsi e che conferma la statura artistica di Herren – uno dei veri maestri contemporanei nel far incontrare in musica sperimentazione e seduzione.