login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]
macdemarco

Mac DeMarco

concerti

30 novembre 2014
MILANO
CIRCOLO MAGNOLIA

Ingresso: 15 euro + tessera Arci
Inizio concerti: 21,00

PREVENDITE:
www.ticketone.it  – T 892 101
www.circolomagnolia.it

01 gennaio 1970

capturedtracks.com/artists/mac-demarco-2
macdemarco.bandcamp.com

Mac DeMarco, giovanissimo artista di Montreal, Canada, reduce dal successo del suo primo full lenght, ‘2’, arriva in Italia per una data milanese per presentare il secondo album Salad Days, uscito per Captured Tracks/Goodfellas ad inizio 2014, e conferma definitiva del suo talento.

“As I’m getting older, chip up on my shoulder…” sono queste le note con cui si inaugura il secondo lavoro sulla lunga distanza di Mac DeMarco, ideale seguito a quel ‘Mac DeMarco 2’, che tanto era piaciuto alla stampa più trendy. ‘Salad Days’ – temiamo non ci sia alcun riferimento ai Minor Threat…- è così l’atto di commiato definitivo dalla fase post-adolescenziale. Ferme restando le doti di morbido crooner del nostro e quelle chitarrine così liquide, la sensazione è quella di un parto più maturo, completo. Nonostante i suoi 23 anni DeMarco appare sufficientemente disincantato, assolutamente cosciente dei risvolti positivi quanto negativi della vita odierna. Scritto durante una serrata serie di apparizioni internazionali, il disco offre un’attendibile versione del DeMarco uomo e compositore, tra momenti di assoluto stupore e qualche slancio di carezzevole follia. Un punto di vista molto personale su quella che appare una carriera in crescita.

Eppure siamo di fronte ad un lavoro disteso, conciso, paradossalmente spensierato. Alcuni dettagli importanti: il gelido sintetizzatore di ‘Chamber of Reflection’, assomiglia ad una delle più attendibili riletture del soul bianco da parte del nostro, qualcosa che potrebbe vagamente somigliare al Daryl Hall prodotto da Robert Fripp. Un esempio affatto trascurabile di quello che è oggi DeMarco, quasi si fosse scrollato di dosso definitivamente gli ingombranti fantasmi indie che albergavano nelle sue prime prove soliste. Spesso si assapora un’atmosfera vicina al John Lennon solista e nonostante i parchi arrangiamenti, si potrebbe ipotizzare una miniaturizzazione delle visioni spectoriane. ‘Brother’ ad esempio si iscrive al ruolo di classico istantaneo, una bizzarria pop che abbiamo imparato ad apprezzare unicamente dalla sua penna.

E ancora le fenomenali melodie di ‘Treat Her Better’, frutto comunque di uno studio sulla materia che manca a tanti fenomeni da baraccone. La sincerità prima di tutto, ma anche la tecnica, che certo non manca da queste parti. La carriera di Marc sembra avviata a grandissime cose, la sua etica lavorativa non conosce pause, ed il frutto di questa rincorsa sul tempo si concretizza in un parto importante come ’Salad Days’. Un disco che ci ricongiunge logicamente alla canzone d’autore, diretta ma mai scontata, astuta al limite. Un futuro radioso, per un altro ragazzo prodigio che ci investe con un manufatto di solenne austerità.