login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]
Jon-Hopkins_0417

Jon Hopkins

concerti

26 maggio 2017
ROMA
SPRING ATTITUDE
09 giugno 2017
MILANO
MAGNOLIA ESTATE

bIGLIETTI:
10€ + d.p. – early bird tickets
13€ + d.p. – standard presale
15€ in cassa

Apertura porte alle 19.00

Prevendite disponibili su:
www.ticketone.it
www.mailticket.it

jonhopkins.co.uk
facebook.com

  • Ormai è definitivamente passato il tempo in cui Jon Hopkins era un “best kept secret” per addetti ai lavori o quando, per provare ad attirare l’attenzione su di lui, si notava come in una vita lavorativa parallela lui fosse un fidatissimo ingegnere del suono per un act pop come i Coldplay. Non c’è nemmeno più bisogno di raccontare come fin dai primissimi anni lui sia stato per Brian Eno un vero e proprio uomo di fiducia né come, più recentemente, sia stato chiamato a collaborare da una leggenda come Herbie Hancock.

    Nulla di tutto questo: ormai la grandezza di Hopkins risplende da sola, senza bisogno di aiuti o di rimandi, nel panorama della musica elettronica. Merito della sua musica: nata come evoluzione del dubstep, cresciuta su itinerari inquieti, cinematici, grandiosi e consolidatasi infine in un’architettura sonora ricchissima ed affilata che non si fa problemi negli ultimi anni ad incorporare anche la techno più cupa ed ossessiva, senza per questo rinunciare alle emozioni, a sospensioni ambient, a vertigini oblique e colorate. Una crescita continua, raccontata da vari album (da citare i due a suo nome su Domino, “Insides” del 2008 e “Immunity” del 2013) e un grande numero di EP e collaborazioni.

    Da sempre, l’approccio di Hopkins è quello del musicista che interagisce di continuo con le macchine: non si accontenta di seguire con lo sguardo il cursore del monitor per controllare che stia andando tutto bene ma mescola invece le carte, rischia, deforma, cerca e insegue le emozioni del pubblico che ha di fronte, sfidandole. La conseguenza è che in pochi anni il suo live è diventato uno degli act più ricercati ed attesi nel panorama della musica elettronica mondiale. Nell’ultimo periodo, parallelamente al lavoro sul materiale nuovo previsto in uscita a fine 2017, con lo stesso identico approccio si è dedicato al deejaying, raggiungendo risultati artistici elevatissimi e virando il suo suono ancora di più verso l’impatto ritmico, in questa veste. Il modo in cui ha tenuto in pugno il Main Stage dell’edizione 2016 di Club To Club è stato un esempio grandioso: un set magico e spettacolare, dall’esito (e dalla risposta del pubblico) assolutamente trionfale.