login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Giorgio Poi

concerti

24 agosto 2017
ARPINO (FR)
PONTE ROCK
25 agosto 2017
DESIO (MB)
PARCO TITTONI
26 agosto 2017
TORINO
TODAYS FESTIVAL
27 agosto 2017
EMPOLI
BEAT FESTIVAL
02 settembre 2017
LU (AL)
REPUBBLICA INDIPENDENTE DI LU
16 settembre 2017
BOLOGNA
TUTTO MOLTO BELLO
23 settembre 2017
TREVISO
COMIC BOOK FESTIVAL
08 luglio 2017
CARBONIA (CI)
SUMMER IS MINE FESTIVAL PREVIEW
15 luglio 2017
CHIAVERANO (TO)
A NIGHT LIKE THIS
19 luglio 2017
MIRA (VE)
MIRA ON AIR
20 luglio 2017
VILLA DI SERIO (BG)
ROCK SUL SERIO
22 luglio 2017
ROMA
ROMA BRUCIA
23 luglio 2017
VARESE
WOODOO FESTIVAL
27 luglio 2017
ANCONA
MOLECOLA
28 luglio 2017
VASTO (CH)
SIREN FESTIVAL
29 luglio 2017
LECCE
SUD EST INDIPENDENTE
31 luglio 2017
MONTALTO DI CASTRO (VT)
REVOLUTION CAMP
06 agosto 2017
MILAZZO (ME)
MISH MASH
07 agosto 2017
PUTIGNANO (BA)
FARM
09 agosto 2017
FARA VICENTINA (VI)
ANGURIARA FARA
10 agosto 2017
CARPI (MO)
COCCOBELLO
18 agosto 2017
FERMO
TANGRAM FESTIVAL

agente: Nicola Romani
nicola@dnaconcerti.com

www.facebook.com/sonogiorgiopoi

Record Label:
www.bombadischi.it

  • “Niente di strano” ma in realtà qui in “Paracadute” di cose strane ce ne sono parecchie, non è solo il dentifricio ma c’è quella di comprare una macchina una macchina friggitrice per i brutti pensieri, questa è meglio ancora del filo interverbale…una capacità di scrittura abbastanza inconfondibile. Radio3 Rai / Scuolapop – La Lingua Batte

    Fa Niente – sette brani e due brevi strumentali elettronici – è un collage a schema libero nel quale l’obiettivo, centratissimo, è quello di far convivere nella stessa stanza/canzone le sue attuali passioni musicali e i ricordi di un’estate italiana di tanti anni fa. […] Un piccolo grande sballo che trasporta l’ascoltatore altrove, sempre vicino al mare, ma su delle “palafitte a forma di astronave”. La Repubblica

    Il ritorno al futuro di Giorgio Poi […] riscrive in chiave intimista e psichedelica la tradizione pop italiana. La Stampa

    La novità delle sue canzoni è che si ha l’impressione di trovarsi in un Amarcord contemporaneo, un’Italia immaginata al presente ma filtrata con i colori sbavati di un passato indefinito. […] La cosa più bella di questo disco è come un ragazzo che vive da dieci anni all’estero sia riuscito a riappropriarsi in modo creativo della sua lingua, dipingendo una cartolina agrodolce di cui non si capisce più chi è il destinatario e chi il mittente. Ma in qualche modo, ti ci senti in mezzo. Il Fatto Quotidiano

    Canzoni che si interrogano sulle parole. Ballate sghembe (cioè in definitiva psichedeliche, alla Ariel Pink, alla Lucio Battisti, comunque di secondo grado) per le derive e i trabocchetti armonici delle quali sono disseminate – Giorgio ha studiato chitarra jazz – ma tutto con grande naturalezza. Rolling Stone

     Il suo disco

    Giorgio Poi si conferma tra i migliori esordi del 2017 con una lunghissima estate di concerti che tocca praticamente tutta la penisola e i maggiori festival italiani.Il live, con Francesco Aprili alla batteria e Matteo Domenichelli al basso, quadrato ed emozionante, è perfetto per chi ama cantare i pezzi forti di Poi come “Niente di strano”, “Paracadute”, “Acqua minerale”, ma anche per chi vuole ascoltare, osservare, godersi le doti tecniche e stilistiche di Giorgio e dei suoi musicisti che dal vivo trovano massima espressione. 

    Romano di adozione, Giorgio Poi nasce a Novara e trascorre parte dell’infanzia a Lucca. Appena ventenne si trasferisce a Londra, dove si diploma in chitarra jazz alla “Guildhall School Of Music And Drama”. Nel frattempo dà vita ai “Vadoinmessico”, con i quali pubblica il fortunatissimo album “Archaeology Of The Future” che li lancia in un tour che toccherà tutta l’Europa e anche gli States.

    Il progetto assumerà in seguito una nuova forma sotto il nome “Cairobi”. Dal 2013 vive tra Londra e Berlino, guardando all’Italia da lontano, e subendone il fascino che la distanza alimenta. Così inizia a scrivere alcuni brani in italiano. Ne viene fuori un disco di canzoni d’amore personali, malinconiche e psichedeliche, uscito Bomba Dischi/Universal a Febbraio 2017.

    “Fa Niente” è accolto con grande favore dalla stampa specializzata ma anche da molte testate generaliste che gli dedicano articoli e recensioni approfondite entrando nel merito delle abilità compositive di Poi. Parallelamente si mette in moto in un’incessante attività dal vivo che vede Giorgio esibirsi con Francesco Aprili alla batteria e Matteo Domenichelli al basso. I tre partono per il tour d’esordio  in tutte le grandi città italiane e in molte provincie raccogliendo entusiasmo e tantissimo pubblico. Il live è quadrato ed emozionante, per chi ama cantare “Niente di strano”, “Paracadute”, “Acqua minerale”, ma anche per chi vuole ascoltare, osservare,  godersi le doti tecniche e stilistiche di Giorgio e dei suoi musicisti che dal vivo trovano massima espressione.  Giorgio Poi si conferma tra i migliori esordi del 2017 con una lunghissima estate di concerti  che tocca praticamente  tutta la penisola e i maggiori festival italiani.