login registrati
login
login
[x]

DNA concerti e eventi

Lungotevere Flaminio, 38 – 00196 Roma
tel. +39 06 89560116
fax +39 06 83519972

informazioni: info@dnaconcerti.com
booking: info@dnaconcerti.com
press: annachiara@dnaconcerti.com

DNA on social:
facebook.com/dnaconcertieproduzioni
twitter.com/dnaconcerti

Newsletter & Promo:
Entra a far parte di Backstage Pass, la nuova community di DNA concerti, per essere sempre aggiornato sui nostri eventi, ricevere news in anteprima sui nostri artisti e godere di promozioni esclusive sui nostri eventi più importanti.
REGISTRATI QUI

[x]

Cat Power

concerti

> Al momento non sono previste date per questo artista

> Al momento non sono previste date per questo artista

www.catpowermusic.com
www.facebook.com/CatPowerSun 

  • “Sun è straordinario” The Times ****
    

”Un viaggio entusiasmante”Q ****
    

”Chan Marshall è tornata, rinvigorita e rigenerata” Mojo ****
    “il suo album più vitale, per non dire tra I migliori” Rolling Stone ****
    

”Sun è l’album più compiuto della sua carriera” Drowned In Sound (9/10)
    “Sun si avvicina all’eccellenza” The Fly (4.5*)
    “Questa è Cat Power al suo meglio” Uncut
    
“Sun è il suo album migliore” Observer



    Sun è il nuovo album in studio di Cat Power. Il primo dopo sei anni  dal suo ultimo album con materiale originale. Scritto, suonato, registrato e interamente autoprodotto, Sun è una dichiarazione di completo controllo che si ritrova anche nei temi delle canzoni.

    Marshall considera Sun “una rinascita”, che è esattamente ciò che trasmette questo ambizioso e carismatico album.  Moon Pix [1998] era un album sull’estremo isolamento per sopravvivere ad un’enorme lotta”Sun è non guardare indietro, rialzarsi, e andare avanti con fiducia verso il proprio futuro, con forza e realizzazione.”

.

    La musica in Sun utilizza un’ampia tavolozza stilistica: c’è la classica Cat Power con una chitarra ossessiva e un ritornello provocante in “Cherokee” (“marry me to the sky…bury me upside down”); l’irresistibile sound latineggiante del loop di piano in “Ruin”; gli incalzanti ritmi quasi dance di inni come “Real Life” e “3,6,9”; e la commovente “Nothin But Time,” che include un cammeo vocale di Iggy Pop.  L’andatura di “Silent Machine” riporta alla mente il Jagger della metà dei ‘70, in contrasto con la produzione di “Always On My Own,” inusuale e rarefatta. L’arco narrativo del disco è profondamente ottimistico; la musica provocatoriamente moderna e globale.

    Anche se privo delle più intime confessioni alle quali ci ha abituato, Sun è forse l’album più personale di Cat Power fino ad oggi. Stratificato e coinvolgente, ha la stessa forza artigianale del debutto di Cat Power, e non c’è un album di questa straordinaria artista così vicino alla sua personalità e al suo stato d’animo attuale – Sun riesce ad incanalare il suo umore, la sua rabbia, la profonda empatia, le ispirazioni musicali, le sue abilità, e la ricerca spirituale in un album che sorprende e conforta.

    Coloro che conoscono la discografia di Cat Power ritroveranno elementi della pietra miliare del 2003 You Are Free, in cui sperimentava forme vocali e basi prese in prestito dalla urban music, e l’incantevole forza di canzoni come “American Flag.”  A livello sonoro Sun, mixato da Philippe Zdar (Phoenix, Chromeo, Beastie Boys), è incredibilmente fresco e riflette la sua lungimirante mentalità.

    A livello di testi, Marshall ha superato l’ansia e l’autoreferenzialità della sua giovinezza, ma è ancora ispirata dai giovani; quasi tutto l’album è un invito a superare le aspettative sociali e  l’oppressione individuale che ne deriva.  “Human Being” unisce un arpeggio in minore a un basso scuro e ripetitivo, con testi che potrebbero sembrare femministi – “you got a right to scream when they don’t want you to speak” – ma parlano per chiunque senta di non avere voce.  “Peace And Love” apre con un verso di Nina Simone – “peace and love is a famous generation” – poi cita i Black Flag, manda a quel paese le persone che non prendevano sul serio il suo idealismo adolescenziale, ed orgogliosamente conclude, “I’m a lover but I’m in it to win.”  Allo stesso modo, “Nothin But Time” implora i ragazzi di guardare oltre l’oggi:  “You’re just trying to get by, but your world is just beginning…it’s up to you to be a superhero, it’s up to you to be like nobody”.

    

Sun è stato registrato durante gli ultimi tre anni a Malibu (in uno studio che si è costruita da sola), Silver Lake (nello studio The Boat dei The Dust Brother), Miami (South Beach Studios), e Parigi (Motorbass), dove è stato mixato con Zdar nella primavera 2012.